Biomeccanica Sportiva e baropodometria

Biomeccanica sportiva e baropodometria

Nel linguaggio automobilistico sportivo in special modo “Formula 1” ci siamo abituati a sentire parlare di potenza e assetto,due ingredienti fondamentali nella ricerca della prestazione.
Gli addetti al lavoro in tale campo hanno compreso che non è sufficiente possedere un buon motore se poi la vettura non ha la capacità di scaricare perfettamente tale forza al suolo. Ne consegue che:

Motore potente ma Assetto scadente = Perdita di Prestazione ↓
Motore potente con Assetto efficiente = Aumento della Prestazione ↑

Si può paragonare l’atleta ad una macchina da corsa, la quale possiede caratteristiche e capacità psicofisiche eccellenti ma ha difficoltà a raggiungere il massimo della prestazione o ha una mancanza di continuità legata a fattori di rottura.

Da tali postulati si evince sempre più l’importanza dei piccoli particolari legati all’assetto e all’equilibrio tra gli organi di movimento e quelli di distribuzione.

Paragono dunque l’atleta ad una macchina da corsa, anch’esso pur  possedendo caratteristiche e capacità psicofisiche eccellenti può avere o difficoltà a raggiungere il massimo della prestazione o avere mancanza di continuità legata a continui fattori di “rottura”.

Questi fattori negativi possono essere legati a condizionamenti esterni relativi alla specialità sportiva ma il più delle volte sono dovuti a specifiche predisposizioni strutturali e/o funzionali dell’atleta.

Quindi, oltre a tutto,  la preparazione fisica, atletica e tecnica che si fa per rendere competitiva la nostra “macchina” diventa indispensabile, valutarla biomeccanicamente e posturologicamente  sia in situazione statica sia soprattutto nella condizione , dinamica.

Da anni si è compreso che il nemico più grande del mantenimento del “sistema” è dato dall’onda di shock originata dalla massa corporea che si viene a schiantare attraverso i piedi, su superfici artificiali estremamente rigide, e quindi in habitat innaturali. L’onda di shock equivale al 4° grado della scala Richter e la sua velocità è di 200 Km/h. Questa caratteristica vibratoria propagatoria è funzione di –velocità –massa –suolo.

Questi fattori generano compensazioni meccaniche muscolo-articolari assai dannose se valutate in rapporto al fattore tempo, tanto che si può quindi sostenere che: sollecitazione x tempo  =  trauma e/o riduzione della prestazione atletica

-L’ingegneria fisica ci ha infatti insegnato che ogni materia sulla terra possiede un  punto e un tempo di rottura: a sollecitazione pari e costante il fattore che muta è il tempo, la cui durata è funzione delle capacità di assorbimento dello shock.

Oggi con valutazioni funzionali statiche e dinamiche della meccanica corporea si può scoprire se vi sono alterazioni biostrutturali, e di conseguenza valutarne biomeccanicamente il comportamento durante il gesto dinamico.

Oltre alla valutazione posturale di base, oggi è possibile valutare e comprendere meglio la meccanica corporea eretta, studiando il piede quale organo di locomozione con metodologie che permettono la valutazione della deambulazione in tempo reale.

Grazie ad apparecchiature computerizzate baropodometriche- cinematiche- elettromiografiche che registrano il funzionamento del complesso meccanismo della marcia misurando le pressioni esercitate al suolo e le modificazioni muscolo-articolari in relazione ad esse.

Siamo riusciti, intervenendo su questi concetti, a migliorare la meccanica della “macchina uomo” stoppando le sollecitazioni che il piede assorbe dal terreno ed eliminando le instabilità create da essa a carico della parte articolare sovrasegmentaria e le relative compensazioni muscolari date dalla risultante di eccessi di contrattura o lassità tra agonisti ed antagonisti. 

Ciò, attraverso l’applicazione sotto il piede di una innovativa ed esclusiva interfaccia plantare dinamica (ortesi podolistica, chiamata dal Prof. Avagnina T.O.R-timing orthotic rebalance) capace di ottimizzare la comunicazione tra struttura corporea e terreno, creando una situazione ideale di assetto neutro capace sia di esaltare le prestazioni dell’atleta ma soprattutto di prevenire le rotture e ottenere la buona conservazione della “Macchina Atleta”. Ma anche dopo l’impiego agonistico dobbiamo garantire all’ “Atleta Persona” un’eccellente funzionabilità per quelle che sono le normali funzioni fisiologico-motorie dell’intera vita quotidiana.

perchè scegliercci

Prenota la visita con un esperto

Podoiatria

Pioniere delle Podoiatria in Italia, il Dr Avagnina è mentore della filosofia podolistica che cura la persona a 360 gradi

Esperienza

Più di 30anni di esperienza , studi e riconoscimenti nel campo della Podologia

Successo del Trattamento

Non viene curato solo il problema ma risolto alla causa

    Richiedi una visita

    X