Il ruolo del podologo nel piede diabetico

Il ruolo del podologo nel piede diabetico

IL RUOLO DEL PODOLOGO NEL PIEDE  DIABETICO E I PRATICI CONSIGLI DEL NOSTRO ALIPOD FOOT TEAM

Nel diabete le complicanze neurologiche e vascolari che spesso si presentano, coinvolgono in modo particolare il piede. Pertanto la cura professionale del piede è molto importante per prevenire le complicanze del piede diabetico. Da qui l’importanza centrale del ruolo del podologo sia nella prevenzione ma anche nella cura del piede.

Molti studi epidemiologici dimostrano come una cura periodica del piede e l’educazione del paziente riducano le complicanze che riguardano i piede diabetico.

Il podologo è spesso anche il primo specialista che un paziente possa essere affetto da un diabete non diagnosticato. Perciò un accurata anamnesi iniziale è molto importante per la valutazione del paziente diabetico ed è anche fondamentale l’educazione del paziente sul diabete e le sue complicanze. Successivamente si passa all’Esame obiettivo del piede e della gamba che dovrebbe includere un controllo accurato del sistema vascolare, neurologico, dermatologico e muscolo-scheletrico. Bisogna valutare qualsiasi anomalia dei tegumenti ma anche degli annessi cutanei, come peli colore ecc..

L’esame vascolare si basa sulla palpazione dei polsi arteriosi e il tempo di riempimento capillare.

La visita neurologica deve valutare i riflessi tendinei profondi, sia del tendine d’Achille sia di quello rotuleo, ma anche la sensibilità tattile, termica, vibratoria e propriocettiva.

In quanto nelle neuropatia, la sensibilità vibratoria è una delle prime sensibilità a essere colpite.

Le lesioni più comuni che colpiscono il piede diabetico sono le  lesioni ulcerative causate spesso da un iperpressione in sede metatarsale e calcaneare da deformità del piede a causa della neuropatia motoria , da trauma per l’insorgere di una neuropatia sensitiva che limità la sensibilità dolorifica e tattile del piede diabetico.

In caso di lesione ulcerativa è molto importante un accurato “debridement” della lesione, cioè una accurata pulizia del tessuto cheratolitico e non vitale che soffoca e limita un normale rigenerazione tissutale e rallenta la guarigione. Tutto ciò deve essere accompagnato anche dall’utilizzo di una calzatura adeguata  con adeguati spazi per evitare conflitti  e l’utilizzo di ortesi plantari di scarico per diminuire la pressione sulla lesione ulcerativa.

La miglior difesa contro le complicanze nel piede diabetico è la prevenzione e la cura del piede da parte del paziente, istruito dal podologo a:

  • Ispezionare, pulire e asciugare i piedi ogni giorno
  • Lavare i piedi con acqua tiepida e controllare sempre la temperatura dell’acqua
  • Usare calze di cotone non troppo strette e cambiarle giornalmente
  • Idratare la pelle secca con creme specifiche per evitare fissurazioni  e ferite
  • Non usare callifughi e strumenti taglienti per le callosità
  • Tagliare le unghia con forbici a punte smusse o lime di cartone
  • Non camminare a piedi scalzi
  • Non utilizzare fonti di calore dirette (borse d’acqua calda, camino ecc.)
  • Usare scarpe comode a pianta larga, chiuse, e con tomaia in pelle morbida e tacco non superiore a 4 cm

 

Il nostro Centro Alipod Foot Clinic sostiene Mammadu’ Onlus

Il nostro Centro Alipod Foot Clinic sostiene Mammadu’ Onlus

Il nostro Centro Alipod Foot Clinic, sostiene Mammadù Italia Onlus | Aiutaci anche tu, destinando il tuo 5 per 1000.

Mammadù Italia Onlus è un’Associazione senza scopo di lucro fondata a dicembre 2010.

Mammadù Italia Onlus nasce dall’ esperienza di volontariato di due amici che, nell’agosto del 2010, decisero di trascorrere le loro vacanze estive in Namibia presso l’orfanotrofio di Orlindi (Orlindi Place of Safety), supportando i bambini nello studio, in attività educative e ludiche. L’incontro con tale realtà permise ai due amici di leggere la vita che avevano sempre vissuto da un differente punto di vista. Dal nuovo significato che i due amici decisero di dare alla loro vita, ma soprattutto dalla promessa fatta ai bambini di “non dimenticarli”, venne costituita Mammadù Italia Onlus.

 

OBIETTIVI
L’obiettivo di Mammadù Italia Onlus è migliorare la qualità di vita di bambini e ragazzi per lo più orfani che vivono in condizioni di estrema precarietà, garantendo loro beni di prima necessità, supporto sanitario ed un buon livello di istruzione, quale unico mezzo di riscatto sociale. Mammadù Italia Onlus oltre a fornire il proprio sostegno a favore di Orlindi Place of Safety, supporta anche altri orfanotrofi situati nei quartieri più poveri della città o in altre aree “difficili” della Namibia al fine di alleviare le sofferenze dei più deboli e tutelare i diritti dei bambini. Tra gli altri progetti sostenuti da Mammadù Italia Onlus si segnala la casa famiglia di Clara in Groot Aub, la casa famiglia Life Change Centre e tre asili: Little Viking’s Pre-School in Katutura (Windhoek), Clever Kids Day Care Centre in Otjomuise (Windhoek), Celly Day Care Center in Mondesa (Swakopmund). Mammadù Italia Onlus dal 2013 ad oggi ha inoltre finanziato interamente delicati interventi chirurgici per due bambini (Gerome e Maricle). Riteniamo che dallo scambio tra diverse culture possano nascere nuove idee. Per questo non proponiamo soluzioni, ma le costruiamo con le persone che vivendo in Namibia o in altri paesi in via di sviluppo possono aiutarci a comprendere quali siano le più efficaci in quella specifica realtà. Mammadù Italia Onlus offre la possibilità di svolgere attività di volontariato in loco.

Chi fosse interessato può contattare Andrea ( andrea@mammaduitalia.it ).

Per sostenere i progetti a favore dell’infanzia di Mammadù Italia Onlus:

  • Partecipa ai nostri eventi: gli aggiornamenti sono pubblicati su www.facebook.com/mammadu.italia e su www.mammaduitalia.it ;
  • Dona il 5 X 1000 a Mammadù Italia Onlus: CF: 03708150168
  • Fffettua una donazione liberale con bonifico bancario sul c/c dell’Associazione: IBAN: IT71 L033 5901 6001 0000 0016 558

 

Tv2000 Il mio medico – Unghia incarnita

Tv2000 Il mio medico – Unghia incarnita

11 maggio 2017 – Il Prof Avagnina in diretta ore 10 : 00 TV2000 Il Mio Medico

Il tema trattato l’unghia incarnita, come dire addio a questa fastidiosa patologia.

Nell’unghia incarnita di II o III grado è necessario un intervento di tipo più podoiatrico, dove è necessario asportare definitivamente la porzione di matrice e fare in modo che non ricresca più attraverso la tecnica della fenolizzazione.

Questa porzione di matrice è situata in profondità e lateralmente nella falange per cui non viene distrutta se ci si limita a estrarre chirurgicamente l’unghia malata. Questo spiega perché gli interventi di avulsione dell’unghia oltre ad essere dolorosi e invalidanti non risolvono definitivamente il problema.

Approfondisci su www.unghiaincarnita.com

 

Pin It on Pinterest

WhatsApp chat